Allenatore nuovo squadra vecchia

De Biasi

Tutto cambia perché nulla cambi, eppure per cinquanta minuti ci siamo illusi che il vento fosse girato a nostro favore.Poi la realtà è apparsa in tutta la sua crudezza, questa squadra non sa difendere o difende male che poi è la stessa cosa.

WAN che è un maestro nella impostazione difensiva dovrà lavorare molto come ha detto lui stesso e dovrà anche cercare di scegliere gli uomini migliori, ha detto che questa rosa può fare il 442 ma gli interpreti di Bologna non possono farlo con successo in serie A, almeno non tutti.

Quando è arrivato WAN il primo commento che ho fatto è stato: quest’anno non finiremo con 40 punti o ne faremo più di 45 o meno di 35. La partita di stasera sembra indicare una strada piuttosto che l’altra, ma voglio essere comunque fiducioso e lasciare il tempo al nuovo/vecchio mister di mettere mano alla squadra, di valutare il parco giocatori più attentamente di quanto detto in conferenza stampa (non si può essere contenti di questa rosa, soprattutto dopo le prestazioni degli ultimi mesi) e di intervenire per migliorare il Toro la dove è carente, allenando meglio i giocatori e cambiando quelli che non sono consoni al progetto perché inadatti o perché non ci credono.

Questa squadra è una squadra da ricostruire soprattutto dal punto di vista caratteriale, anche se sarà difficile perché è formata in maggior parte da giocatori apallici, la mossa di portare Jimmy Fontana in ritiro è stata buona ma non ha portato risultati, anzi il suo compagno di ruolo e di stanza non è che abbia fatto la sua miglior prestazione stagionale benché insignito della fascia di capitano

Il successo di Sereni la scorsa stagione aveva due padri, la voglia di riscatto di Matteo e gli allenamenti di Gandini che sono di un altro tenore e spessore rispetto a tutti gli altri allenatori di portieri per precisione e potenza dei tiri.

Ma oltre al problema difesa c’è anche da risolvere il problema attacco, la coppia Bianchi Amoruso che due anni fa segnò 35 reti ora fa fatica a centrare lo specchio della porta le poche volte che va alla conclusione. Qua WAN per sua stessa ammissione non può farci più di tanto però il suo gioco prevede molto lo sfruttamento delle fasce e la ricerca del cross e si spera che sia sufficiente.

In mezzo al campo bisogna trovare il giocatore giusto da affiancare a Dzemaili che anche se ieri è apparso al di sotto delle sue prestazioni rimane comunque un punto fermo del Toro.

Altre parole non penso che vadano aggiunte, se si vuole giocare anche il prossimo campionato in serie A bisogna remare tutti dalla stessa parte e restare compatti, capisco che prestazioni come le ultime tre possano far venire la voglia di mollare tutto o peggio di generare un clima di guerra intorno alla squadra, però dobbiamo ricordarci di una cosa, questa squadra è apallica e se viene contestata non reagisce in maniera positiva ma va in confusione, e il Toro ha bisogno di tutto meno che della confusione per poter rimanere in serie A.

Non so di quanti gg di vacanza sindacalmente spettino ai giocatori del Torino, spero il meno possibile per permettere a WAN di presentare un Torino pronto per il 2009, per chiudere il 2008 mancano ancora due partite, ma è meglio non farci troppe illusioni.

Per finire non so cosa ci sia da festeggiare lunedì prossimo a Milano, io annullerei il ricevimento per il fine anno e lo baratterei con una seduta doppia di allenamento sia lunedì che martedì

Home