Via De Biasi torna Novellino

Per la terza volta in poco più di due anni il presidente del Torino Urbano Cairo esonera De Biasi e sulla panchina dei granata richiama Walter Novellino

De Biasi

Il Torino comunica di aver esonerato dall'incarico Gianni De Biasi ed il suo staff. In una nota pubblicata sul sito ufficiale del club, la società granata ringrazia De Biasi per il lavoro svolto e augurandogli i migliori successi professionali per il futuro. Il nuovo allenatore è Walter Novellino, che domani alle ore 14.00 incontrerà gli organi di informazione insieme al Presidente Cairo presso la Conference Room del centro Sisport. Il tecnico campano a sua volta, era stato esonerato un anno e mezzo fa, ma ancora sotto contratto fino a giugno. Il presidente granata Urbano Cairo aveva sentito entrambi, in mattinata, chiedendo a De Biasi una autoriduzione dell'ingaggio (il suo contratto scade nel 2010), che il tecnico trevigiano avrebbe rifiutato; ha sondato inoltre la disponibilità di Novellino, che nonostante l'addio burrascoso di un anno fa, si era detto disponibile a rientrare.

La prima volta di De Biasi sulla panchina del Torino risale alla stagione 2005/2006, che si concluse in modo trionfale con la promozione in A dei granata, ma nell'estate 2006 l'allenatore trevigiano fu esonerato ancor prima dell'inizio del campionato. Venne richiamato a metà stagione e salvò il Torino dalla retrocessione in Serie B, e tuttavia Cairo decise nuovamente di mandarlo via. Dopo una breve e sfortunata parentesi in Spagna alla guida del Levante, De Biasi tornò ad allenare il Torino: nella scorsa stagione subentrò a Novellino nelle ultime cinque giornate portando nuovamente il club alla salvezza.

Ora arriva l'ennesimo esonero. La squadra è quart'ultima in classifica, con soli 12 punti conquistati nelle prime 15 giornate. Domenica è stata sconfitta in casa dalla Fiorentina con un secco 4-1 e a fine partita ha subito la contestazione di un centinaio di tifosi, che a dire il vero non se la sono presa solo con il tecnico, ma anche con i giocatori e con il loro presidente. Ora ricomincia l'era Novellino.

Home